Menu

Otoplastica

Otoplastica

Durata intervento 30 minuti-2 ore
Anestesia Locale o locale con sedazione
Ricovero Ambulatoriale o Day hospital
Ritorno al sociale Immediato o 3-4 giorni
Attività lavorativa Immediata o 1 settimana
Attività fisica intensa 1 mese

INFORMAZIONI GENERALI

L’otoplastica è un intervento chirurgico indicato per quelle persone che vogliono migliorare l’aspetto estetico delle orecchie che già in età scolare possono apparire malformate, troppo grosse o troppo aperte (“a sventola” o “ad ansa”).

I pazienti, infatti, sono spesso bambini di 6-7 anni che manifestano un evidente disagio psicologico soprattutto quando iniziano a frequentare la scuola elementare. Non ci sono controindicazioni ad intervenire a questa età perché l’orecchio si è già completamente formato e quindi non si modificherà più. Altre volte però si ricorre all’otoplastica in età più adulta.

Durante la prima visita medica la Dr.ssa Vitali spiegherà accuratamente al paziente e/o ai genitori che, grazie al riposizionamento e rimodellamento della cartilagine auricolare si può migliore la morfologia dell’orecchio, conferendo contestualmente al volto un aspetto più proporzionato e quindi più piacevole.

INTERVENTO

Ha una durata di circa due ore, solitamente viene preferita l’anestesia locale con un’eventuale sedazione e un regime di day hospital.

La scelta tra le varie tecniche chirurgiche dipende dal tipo di difetto da correggere ma comunque quasi tutte prevedono solo una piccola incisione nel solco retro auricolare che una volta suturata lascerà una cicatrice che rimarra’ sempre nascosta dietro l’orecchio non costituendo quindi un problema estetico per i pazienti.

In alcuni casi selezionati è possibile ricorrere ad una tecnica molto più rapida e semplice grazie a EARFOLD, dispositivo medico con marchio CE innovativo, distribuito da Allergan, azienda farmaceutica americana, leader nella medicina estetica del viso e nel campo delle protesi mammarie impiegate in chirurgia estetica e ricostruttiva.(vedi di seguito i dettagli)

Come medicazione verrà utilizzata una fascia elastica ‘tipo tennista’ che dovrà essere mantenuta per almeno una settimana.

POST- INTERVENTO

Per un paio di giorni successivi all’intervento può essere avvertita una sensazione di indolenzimento della regione trattata che però è ben controllabile con i comuni antidolorifici.

Le comuni attività lavorative e la scuola possono essere riprese dopo una settimana mentre l’attività sportiva soltanto dopo un mese. Durante il primo mese è altresì sconsigliabile l’esposizione a temperature estreme troppo fredde o troppo calde (es. docce, sauna, lampade Uva, esposizione diretta al sole).

I punti di sutura sono sempre riassorbibili e quindi non è necessario toglierli, pertanto le medicazioni che verranno fatte dopo 2,7 e 14 giorni dall’intervento prevedono solo la disinfezione della ferita.

Il risultato estetico ottenuto è permanente.

 

OTOPLASTICA CON EARFOLD

Dal novembre 2016 è comparsa in Italia una soluzione importata dal Regno Unito, capace di correggere le orecchie a sventola in modo permanente e con una procedura mininvasiva.

In casi selezionati, cioè quando il difetto estetico è a carico dell’elice e non della conca dell’orecchio, si può utilizzare EARFOLD, una clip in Nitinol rivestita di oro 24 carati, biocompatibile che, una volta inserita sotto la cute della parte anteriore dell’orecchio risulta invisibile, ma è in grado di piegare la cartilagine in modo permanente e del tutto indolore.

EARFOLD può essere utilizzato a partire dai 7 anni di età.

Il paziente ha la possibilità di vedere prima dell’intervento se il risultato lo soddisferà in quanto, durante la visita medica, in un minuto si può applicare Pre-Fold, una clip identica all’EarFold ma che viene collocata esternamente alla cute dell’orecchio, nel punto in cui deve essere corretto il difetto.

INTERVENTO

Ha una durata di circa 30 minuti, si può eseguire in un ambulatorio chirurgico perche è sufficiente una quantità minima di anestetico locale.

Solo nei bambini non collaboranti ci si avvale dell’anestesia locale coadiuvata da una leggera sedazione, quindi è necessaria la sala operatoria e un regime di day hospital.

L’introduzione del dispositivo avviene attraverso una incisione cutanea, di circa 4 mm, nella parte anteriore dell’orecchio. Il numero degli impianti necessari può variare da uno a tre per orecchio.

L’inciosione viene suturata con fili riassorbibili.

POST- INTERVENTO

Il dolore è quasi del tutto assente.

Non è necessaria alcuna medicazione vistosa durante il giorno, solo due cerottini steri-strip, per le prime 3-4 notti è consigliabile invece una fascia elastica ‘tipo tennista’.

Le comuni attività lavorative e la scuola possono essere riprese subito dopo il trattamento mentre l’attività sportiva dopo circa una settimana.  Durante il primo mese è altresì sconsigliabile l’esposizione a temperature estreme troppo fredde o troppo calde (es. docce, sauna, lampade Uva, esposizione diretta al sole).

I punti di sutura sono sempre riassorbibili e quindi non è necessario toglierli, pertanto la medicazione che verra’ fatta dopo 7 giorni dall’intervento prevede solo la disinfezione della ferita.

I VANTAGGI

 Rispetto alle tecniche chirurgiche tradizionali, questa dà risultati immediati e prevedibili, permette il ritorno immediato alla vita sociale, non prevedendo alcuna medicazione vistosa, non è assolutamente dolorosa e riduce vicino allo zero la possibilità che si possano formare ematomi e cicatrici patologiche retroauricolari, cioè i cheloidi, che sono purtroppo una complicanza rara ma temibile dell’otoplastica tradizionale.