Menu

Chirurgia Dermatologica

Dermatologia chirurgica

Durata intervento 30 minuti
Anestesia Locale
Ricovero Ambulatoriale
Ritorno al sociale Immediato
Attività lavorativa 1-7 giorni
Attività fisica intensa 1 mese

INFORMAZIONI GENERALI

La Chirurgia Dermatologica viene impiegata per rimuovere dalla cute o dagli strati sottocutanei del corpo e del viso neoformazioni benigne (nevi dermici, fibromi, cisti sebacee, lipomi ecc..) o maligne (epiteliomi, melanomi ecc..).

Nel primo caso l’escissione è quanto più contenuta per fare in modo che la cicatrice residua sia poco visibile, nel secondo caso invece vanno rispettati dei margini oncologici e quindi la cicatrice residua è inevitabilmente più lunga.

Nel caso di neoformazioni maligne o sospette tali il materiale asportato viene sempre sottoposto ad esame istologico per una corretta e certa diagnosi.

Per alcune neoformazioni benigne (nevi verrucosi, cheratosi seborroiche, fibromi, verruche, ecc..) si può scegliere di usare anche il laser chirurgico (CO2) al posto del bisturi.
In questo caso il trattamento è più rapido (5 minuti) e lascia delle cicatrici a volte invisibili.

INTERVENTO

L’intervento può essere ambulatoriale, sempre in anestesia locale e della durata di circa 30 minuti.

La Dr.ssa Vitali in quanto chirurgo estetico pone particolare attenzione ad eseguire l’escissione chirurgica e ad effettuare le suture con tecniche e materiali che comportino delle cicatrici il più possibile nascoste e comunque di ottima qualità.

La qualità della cicatrice residua è comunque enormemente influenzata da fattori costituzionali ma la Dr.ssa Vitali consiglierà tutti i presidi (cerotti e/ creme) utili a far si che la cicatrice sia minimamente visibile.

POST-INTERVENTO

Il periodo post-intervento non è assolutamente doloroso ma solo una sensazione di lieve bruciore viene a volte avvertito in corrispondenza della ferita nei primi 2-3 giorni.

Le normali attività quotidiane possono essere svolte subito dopo l’intervento, le attività lavorative che comportino una trazione a livello della cicatrice o l’attività sportiva vanno invece procrastinate di circa un mese.

I punti di sutura sono quasi sempre riassorbibili e quindi non è necessario toglierli, pertanto le medicazioni che verranno fatte dopo 7 e 14 giorni dall’intervento prevedono solo la disinfezione della ferita.

E’ sconsigliabile l’esposizione al sole o lampade UVB per almeno 6 mesi o comunque con una foto-protezione totale per evitare che la cicatrice possa pigmentarsi in maniera irreversibile.