Menu

Chirurgia dei Glutei

Chirurgia Dermatologica

Durata intervento 1-2 Ore
Anestesia Locale con sedazione
Ritorno al sociale Dopo 24-48 ore
Attività fisica Dopo un mese
Esposizione al sole Dopo un mese

INFORMAZIONI GENERALI

La regione glutea è un area il cui miglioramento è molto richiesto dalle donne. Tutti i tipi di trattamenti, con le dovute personalizzazioni, possono essere eseguiti anche sugli uomini.

Per ridurre il volume è possibile intervenire sulla componente adiposa sia con la chirurgia (liposuzione e liposcultura) che con dei trattamenti di medicina estetica (trattamento a ultrasuoni).

Per aumentare il volume dei glutei e per renderlo più tondo e proiettato esistono metodiche mediche (Fillers) e chirurgiche come il lipofilling e la GLUTEOPLASTICA ADDITIVA con protesi di silicone.

La conformazione fisica del paziente, i costi e la durata dei risultati ottenuti condizionano la scelta tra queste varie procedure.

Per le metodiche sopramenzionate si rimanda ai testi specifici per maggiori dettagli.

FILLERS SPECIFICI

Solo per la sezione dei fillers c’è da aggiungere il fatto che esiste uno a base di acido jaluronico specifico per i glutei. Il suo nome commerciale è MACROLANE ed è prodotto da una delle aziende leader a livello mondiale nel confezionamento di fillers a base di acido jaluronico.

La sua consistenza e la tecnologia con la quale viene sintetizzato fa si che la durata del risultato estetico nei glutei sia di circa un anno.

Il suo impianto non è consigliabile eseguirlo in ambulatorio ma in una sala chirurgica in anestesia locale con sedazione.

Il risultato, come per tutti i fillers è immediato, eccezion fatta per un po’ di gonfiore che dura alcuni giorni.

In passato molto spesso il riempimento della regione glutea veniva effettuato con il silicone liquido. La Dr.ssa Vitali ribadisce ai pazienti che l’utilizzo di silicone liquido (filler permanente) è vietato dalla legge dagli inizi degli anni ’90 per le molteplici complicanze che può comportare.

PROTESI DI GLUTEO

La GLUTEOPLASTICA ADDITIVA con protesi di silicone è l’unica soluzione permanente per i pazienti magri che non hanno a disposizione sufficiente quantità di grasso da trasferire con il lipofilling.

Caratteristiche essenziali che però devono avere sono muscoli glutei ben tonici e una pelle spessa ed elastica.

Le protesi in silicone, specifiche per i glutei sono simili alle protesi mammarie ma più robuste di queste. Come quelle mammarie le più utilizzate sono quelle riempite in gel di silicone ad alta coesività, mentre più raramente (meno del 25% dei casi), si ricorre a protesi solide, costitutite da un elastomero di silicone.

L’area di impianto è la parte superiore della regione glutea, in modo da non interferire con la posizione seduta.

La via di accesso di solito è un’ unica incisione verticale di 6-7 cm, posta nella parte superiore del solco intergluteo in modo da rimanere nascosta negli slip.

Le protesi possono essere posizionate in una tasca allestita :

– sotto la fascia muscolare del muscolo grande gluteo.

– tra le fibre del muscolo grande gluteo (la sede più comune).

– completamente al di sotto del muscolo (più rara).

L’ intervento si esegue in anestesia generale ed ha una durata di circa due ore. Sono inseriti dei drenaggi, necessari per evitare che si formino ematomi o seromi, che vengono rimossi dopo 5-7 giorni.

Al termine dell’ intervento viene applicata una medicazione compressiva da mantenere per 7 giorni.

A causa della sede anatomica purtroppo il rischio di complicanze correlate alla gluteoplastica con protesi di silicone è piuttosto alto (il 10% su base statistica) e sensibilmente più alto rispetto alla maggioranza degli interventi di chirurgia estetica.

Le complicanze più frequenti sono il seroma (4% dei casi), l’ asimmetria (circa 3% dei casi), la contrattura capsulare periprotesica (2% dei casi) e la rottura della protesi (meno dell’ 1% dei casi). Sono da menzionare inoltre la deiscenza di sutura e l’estrusione delle protesi,
Le iniezioni intramuscolari sui glutei sono assolutamente da evitare a causa del rischio di rottura della protesi stessa.

Un limite della gluteoplastica con protesi di silicone è che è possibile correggere solo la metà superiore del gluteo e il volume massimo delle protesi è di circa 400 cc.

Per tutti i suddetti motivi è un intervento che, almeno in Europa, si esegue molto raramente.